MOTORI

il  3 luglio 20:16

Vettel ascoltato a Parigi, la Fia ha deciso

Sebastian Vettel, nel giorno del proprio compleanno, ha ammesso la piena responsabilità dell’accaduto “presentando sincere scuse alla Fia e all’intera famiglia del Motorsport” e il presidente Jean Todt, preso atto di questo, ha deciso di chiudere il caso.
Il tedesco – come riportato dal sito online de La Gazzetta dell oSport – dovrà anche impegnarsi personalmente in iniziative di sicurezza stradale nei vari eventi della Fia e nelle serie minori. Inoltre, qualora dovessero ripetersi comportamenti simili, la conseguenza sarà l’immediato deferimento al Tribunale Internazionale.
La Fia aveva convocato il tedesco del cavallino a Parigi per discutere “eventuali nuove azioni” nei suoi confronti dopo quanto accaduto in Azerbaigian. Il pluricampione iridato con la RedBull, si è presentato nella sede della Fia col team principal Maurizio Arrivabene, per essere ascoltato dal presidente Jean Todt in seguito alla ruotata rifilata a Lewis Hamilton durante lo scorso GP del 25 giugno.

In gara Vettel era stato sanzionato con uno stop-and-go di 10 secondi per “guida pericolosa” nei confronti del pilota della Mercedes, affiancato e colpito con una ruotata dopo che il tedesco lo aveva involontariamente tamponato. Secondo Seb, il tamponamento era stato colpa di Hamilton, autore di un brake-test. Ma si temeva una possibile ulteriore sanzione che è stata però scongiurata.

Nel comunicato della Fia è anche specificato che Vettel, fino alla fine di quest’anno, non sarà impiegato in attività di reclamizzazione della sicurezza stradale. Non dispiacerà di certo al pilota, più preoccupato della possibilità di perdere punti iridati.