7 agosto 15:16  |  ECONOMIA

Ammalarsi quando si è in ferie non è certo l’esperienza più gradevole del mondo. Tuttavia, pochi sanno che questa spiacevole evenienza non pregiudica i giorni di festa dal lavoro, anzi  le assenze dal prorprio impiego possono essere recuperate se si presenta apposito certificato medico che attesti il mancato godimento delle ferie stesse.

In pratica non perde le ferie di cui si ha diritto come lavoratore  chi avvisa per tempo il proprio capo e certifica attraverso un certificato di malattia, che da inviare al datore di lavoro e all’ente di previdenzia, dal quale risulti uno stato di salute alterato quanto basta da impedire il normale godimento del periodo di ferie.

Le ferie sono sospese da quando il datore di lavoro riceve comunicazione dello stato di malattia del lavoratore. L’indennità di malattia riguarda parimenti soltanto i giorni documentati nei modi e nei termini di legge. Con la circolare n. 11 del 9 gennaio 1991, l’Inps ha riconosciuto come idonee ad interrompere le ferie le infermità di durata superiore a 3 giorni che abbiano comportato la necessità di ricovero o che siano state tempestivamente ed adeguatamente notificate all’Istituto e al datore di lavoro.

Il lavoratore in malattia mentre è in ferie  – spiega il portale Today – è soggetto ad alcuni obblighi: deve sottoporsi a visita medica, richiedere la redazione e l’invio del certificato di malattia, controllare la corretta compilazione dei dati anagrafici inseriti nel certificato e indicare l’indirizzo di reperibilità qualora sia diverso dalla residenza abituale, fornire indicazioni utili per essere reperito (se è a casa, deve controllare che il proprio nominativo sia ben evidente nella pulsantiera dei citofoni e sulle cassette postali) ed essere a casa nelle specifiche fasce di reperibilità.

La sospensione delle ferie salta se non è possibile fare una verifica sulle condizioni del lavoratore da parte del datore del lavoro, ove tale impossibilità sia ascrivibile al lavoratore stesso. Nel corso della visita medica di controllo domiciliare, il medico fiscale deve valutare  il grado di compromissione delle funzioni che permettono all’individuo il godimento delle ferie, rapportandolo al cosiddetto danno biologico.