CHIUDI
TEMI PRINCIPALI
giovedì, 21 giugno 2018

Un attentato ha sconvolto nuovamente il mondo. Obiettivo dei terroristi, in questa occasione, un luogo di culto dall’alto valore simbolico.

Torna il terrorismo: autobomba esplode in cntro: decine di morti e feriti

La moschea Abu Huraira a Bengasi, seconda maggiore città della Libia, è stata l’obiettivo di un attacco violentissimo. Secondo i media locali l’attentato avrebbe fatto morti e feriti.

Ancora non chiara la dinamica degli eventi: secondo alcune fonti a esplodere sarebbe stata un’autobomba, mentre secondo altre sarebbe stato un kamikaze con uno zaino imbottito di esplosivo.

Secondo quanto diffuso sul sito dell’ Agenzia Nova solo nell’ospedale di Al Jalaa vi sarebbero 40 persone rimaste coinvolte nell’attentato. Si tratta del bilancio provvisorio dell’esplosione dell’autobomba, che dai primi rilievi ha provocato decine di morti e feriti.

Il precedente

Lo scorso 23 gennaio due autobombe esplose a distanza di 30 minuti l’una dall’altra avevano ucciso a Bengasi almeno 35 persone, tra cui bambini. Anche in quel caso era stata colpita, in una circostanza, una moschea.