ITALIA

il  9 agosto 11:34

Sigarette e divieto in spiaggia
Dal Codacons è lotta al fumo

Contro il fumo e i fumatori, nel corso degli anni, c’è stata una vera e propria battaglia da parte del legislatore italiano. In particolare, non sono mancati gli interventi volti a punire chi fuma sulle spiagge delle nostre coste.

Ora, oltre alle già vigenti e salate sanzioni per chi butta i mozziconi di sigaretta sulla sabbia (con multe fino a 300 euro per chi cade in questa incivile abitudine), si preannuncia un totale divieto di fumo sulle coste del nostro Paese.

La richiesta di tale provvedimento arriva dal Codacons e si fonda sulla legge attuale, prevista però solo nei casi in cui sia presente nelle immediate vicinanze una donna incinta o un minore o ci si trovi nelle “pertinenze esterne delle strutture universitarie ospedaliere, presidi ospedalieri e IRCCS pediatrici e alle pertinenze esterne dei reparti di ginecologia e ostetricia, neonatologia e pediatria delle strutture universitarie ospedaliere e dei presidi ospedalieri e degli IRCCS”.

In realtà, poi, la richiesta dell’associazione di consumatori fa seguito a numerosi divieti già messi in atto da alcuni comuni che hanno dichiarato guerra alle sigarette e sulla base di alcuni studi che hanno rivelato il potenziale danno derivante dal fumo passivo anche all’aperto.

Probabilmente un divieto, su scala nazionale, non arriverà entro questa estate, ma la richiesta del Codacons potrà costituire un precedente e l’inizio di una vera e propria guerra alle cosiddette “bionde”.

Fonte: StudioCataldi.it