CHIUDI
TEMI PRINCIPALI
giovedì, 16 agosto 2018

Tutto su Sapelli. Le voci si fanno insistenti sul professore economista. A lanciare l’indiscrezione è il sito Dagospia che parla di voci dal Colle che vedrebbero bene il profilo dell’esperto in materie finanziarie

Come vi avevamo accennato in un articolo di questa matrtina la rosa si era ristretta (sempre secondo le indiscreziononi) a tre professori contattati nella serata di ieri.

Ma, secondo Dago,  l’unico che ha la sostanza del politico e l’esperienza economica allo stesso tempo sarebbe Giulio Sapelli.

Il sito di politica e gossip rilancia l’intervista al papabile futuro premier per il sito Vita.it dell’undici maggio 2018

Ecco uno stralcio dell’intervista:

Professore cosa ne pensa della soluzione Lega-M5S?

Mi sembra in prima luogo finalmente una soluzione elettorale che rispetta il voto popolare. Siamo finalmente usciti dall’epoca Napolitano

Cosa intende?

Sono anni che in Italia ci dimentichiamo che i Governi si costruiscono secondo la volontà popolare. Napolitano in questo senso è stato l’aice di questa sottrazione di potere al parlamento. E anche il discorso di Mattarella di qualche giorno fa, con quei toni drammatici è stato a mio avviso gravissimo. Ha rischiato di creare il panico. E le turbolenze dei mercati che tutti hanno attribuito all’incertezza prima e all’accordo tra Di Maio e Salvini poi credo siano state il frutto di quelle dichiarazioni. A quanto pare però possiamo dire sia, per ora, una deriva archiviata.

 

È normale che ormai in Italia quando si parla di politica e governo si tenga un occhio sempre alla Borsa?

È normale visto il tipo di classi dominanti in Italia. Ci sono una vecchia borghesia compradora (una classe senza autonomia materiale e soggiogata agli interessi del capitale esterno ndr) e una nuova borghesia nazionale che rappresenta le piccole medie imprese. I secondi non vivono facendo favori all’estero contrariamente ai primi. Lo scontro avverrà tra questi due gruppi di potere che si confrontano oggi in Italia. È questa la dialettica cui assisteremo nei prossimi anni. Questo Governo segna, per ora, la vittoria di questa borghesia nazionale e il popolo degli abissi.