ECONOMIA

il  30 novembre 11:56

Nuova tassa, la scadenza è il 30 novembre

Giovedì 30 novembre scade il termine per il versamento del secondo acconto Ires, l’imposta sul reddito delle società di capitali e degli enti.

Il secondo acconto Ires 2017 va versato tramite modello F24, compilando la sezione Erario ed utilizzando il codice tributo 2002.

Come calcolarlo

Il secondo acconto Ires 2017 può essere calcolato secondo 2 metodi: metodo di calcolo storico e metodo di calcolo previsionale. Con il metodo di calcolo storico l’Ires viene determinata rispetto all’imposta dovuta per il 2016. Di conseguenza, ove si adotti questo metodo, il secondo acconto Ires 2017 sarà pari al 60% del saldo versato entro la scadenza estiva di saldo e primo acconto.Con il metodo previsionale, invece, l’Ires viene determinata utilizzando come riferimento il reddito atteso per il 2017. Ovviamente l’adozione di questo secondo metodo di calcolo è utile quando si hanno ragionevoli certezze di avere previsioni esatte. In mancanza, infatti, il rischio è quello di pagare imposte che a posteriori si riveleranno inferiori a quelle effettivamente dovute.

Gli acconti

Gli acconti Ires 2017 non sono dovuti in caso di debito inferiore a 20,66 euro risultante dalla dichiarazione dei redditi SC 2017. In caso di primo acconto inferiore a 103 euro, l’acconto totale potrà essere versato in un’unica soluzione entro il 30 novembre, nel caso, invece, di primo acconto Ires 2017 superiore o uguale ad euro 103 gli acconti dovranno essere versati in 2 rate: un primo acconto Ires 2017 pari al 40% del saldo entro la stessa scadenza del saldo 2016 (importo rateizzabile fino ad un massimo di 6) rate e secondo acconto Ires 2017 pari al 60% del saldo, da versare appunto entro il 30 novembre 2017.

Fonte: Today