CHIUDI
TEMI PRINCIPALI
giovedì, 16 agosto 2018

Giallo nel giallo. Il professore accusato di violenza contro sette studenti e condannato lunedì scorso a tre anni è morto. Il suo corpo è stato trovato sulla sua poltrona con una coperta a coprirgli le gambe.

Giallo nel giallo del professore: trovato morto il docente condannato per violenza sugli studenti

Il docente 54enne è stato trasferito in ospedale, ma non c’è stato nulla da fare. L’uomo è morto presso il nosocomio nella notte di martedì.

E’ mistero sulle cause del decesso. In un primo momento si pensava ad un malore, poi si è fatta strada l’ipotesi di un abuso di farmaci.

Denuncia di un ragazzo

Il caso giudiziario che lo ha visto coinvolto si era sollevato a seguito della denuncia di un ragazzo romano, che, nell’ottobre del 2014, denunciò ai dirigenti della sua facoltà presunte avance ricevute dal docente, titolare della cattedra di Anatomia dei piccoli animali.

Dopo di lui altri ragazzi – due della provincia di Pesaro, due di Ancona, uno di Macerata e uno di Monza – raccontarono altri episodi.

L’avvocato del professore – racconta Il resto del Carlino – aveva lascito il proprio assistito lunedì pomeriggio, subito dopo il processo, e il professore gli aveva manifestato la volontà di tornare qualche giorno dalla madre a San Benedetto. Ma dopo aver provato ripetutamente a mettersi in contatto con lui, è scattato il terribile sospetto. Insieme ai militari di Matelica, è corso a casa sua. I vigili del fuoco hanno aperto la porta e trovato l’uomo riverso sulla poltrona con poco lontane alcune boccette di medicinali.

Fonte:  Il resto del Carlino