CHIUDI
TEMI PRINCIPALI
domenica, 23 settembre 2018

Iniziato il secondo giro di consultazioni del presidente della Repubblica che sta ascoltando, nuovamente, tutte le forze politiche per valutare se e a chi affidare l’incarico di formare un governo.

La posizione 5 stelle: “Mai un governo con Berlusconi”

“Mai un governo con Berlusconi e Forza Italia” hanno fatto sapere i cinquestelle nel pomeriggio, spegnendo di fatto ogni possibilità di dialogo con il centrodestra unito.

Con le dichiarazioni pentastellate risulta molto importante la posizione del partito Democratico che – salvo scissioni nella coalizione di Centrodestra – potrebbe essere l’unica sponda per un governo presieduto da Di Maio.

La replica di Forza Italia: “Riconoscano Berlusconi”

“La trattativa per la formazione di un governo tra centrodestra e M5s – aveva dichiarato Anna Maria Bernini – potrà avvenire solo attraverso l’accettazione esplicita e pubblica da parte del movimento 5 Stelle della basilare ed imprescindibile partecipazione di Silvio Berlusconi e di Forza Italia alla coalizione di centrodestra”.

Le due capigruppo hanno fatto notare, tra l’altro, che l’ipotesi di un appoggio esterno è stata esclusa anche nel corso delle riunioni svoltesi ieri e l’altro ieri con i parlamentari dei Gruppi in quanto è stata ritenuta una strada “non gradita da Fi sul territorio.

“Parteciperemo a un governo solo se ci sarà una dichiarazione esplicita e chiara da parte del Movimento 5 Stelle e che ci sia pari dignità tra tutte le componenti del centrodestra, Forza Italia e Berlusconi. Senza questa condizione la trattativa non potrà neanche iniziare” afferma Maria Stella Gelmini, capogruppo alla Camera.