ITALIA

il  29 dicembre 17:56

Morto uno dei servitori dello Stato, il poliziotto scomparso a 45 anni

Ne hanno parlato pochissimi giornali. Eppure è morto uno dei servitori dello Stato.

Morto uno dei servitori dello Stato

La scomparsa improvvisa dell’assistente capo Giuseppe Beolchi, 45 anni, morto in un tremendo incidente stradale in A1 alle porte della città. In questura è stato osservato un minuto di silenzio in occasione dell’incontro per gli auguri di Natale con il questore e il prefetto. Quest’ultimo, in segno di lutto, ha anche annullato il ricevimento ufficiale previsto in prefettura per oggi.

Il sindaco di Piacenza Patrizia Barbieri ha espresso il cordoglio a nome di tutta l’amministrazione comunale: «Questo terribile incidente ha tolto la vita a un servitore dello Stato mentre svolgeva il proprio lavoro con impegno, professionalità e dedizione. Nel rinnovare ai familiari le mie più vive condoglianze, rivolgo al collega di pattuglia, ora ricoverato all’ospedale di Cremona, i miei più sinceri auguri e sono vicina con il cuore a tutti coloro che a rischio di mettere a repentaglio la vita, tutelano con il loro lavoro al servizio della collettività, la sicurezza di tutti noi».

«Lo avevo soprannominato Ciccio Pasticcio, qualunque cosa toccasse, bonariamente, combinava un guaio». Così lo ricorda l’ispettore Fabio Pieraccini in servizio alle Volanti di Piacenza, che è uscito a lungo in pattuglia con Beolchi. «Era davvero una bella persona. C’era sempre, era una sicurezza. Ho lavorato in turno sulla volante con lui per due anni, e quando era il momento, sulla strada, lui era sempre presente. Non si tirava mai indietro. Era una sicurezza».

Il racconto delle Istituzioni

Commosso -aha raccontato il giornale Il Piacenza – anche il ricordo del sovrintendente Domenico Parrello, in servizio alle Volanti: «Oggi un amico, prima ancora che collega, mi ha lasciato, per sempre. Non è uno dei suoi tanti scherzi da buontempone, è la triste, nuda e cruda realtà che abbiamo dovuto accettare senza dire una parola, senza battere ciglio. Era un uomo dal cuore immenso: tu avevi bisogno e lui era in prima linea a darti una mano. Ne abbiamo viste tante insieme, ma ora non potremo più ricordare e farci anche qualche risata».
Pier Paolo Moro, sovrintendente delle volanti di Piacenza, ne sottolinea la grande umanità: «Si faceva in quattro per tutti, aveva davvero un animo gentile e generoso. Era un ottimo compagno di lavoro, ti metteva di buon umore, e questo è importante quando lavori su una volante della polizia. Le ore in turno trascorrevano con maggiore serenità».

Sandro Chiaravalloti, in servizio alla Stradale di Piacenza e sindacalista del Siap: «Le vittime della Polizia di Stato sono purtroppo sempre più numerose. Il nostro è un mestiere dedicato agli altri, e oggi piangiamo un altro collega che stava intervenendo per salvaguardare la sicurezza degli altri, grazie a quel senso del dovere che ti porta ad anteporre la vita delle persone alla tua».

«L’impegno della polizia è sempre costante, prezioso e importante – commenta il consigliere regionale della Lega Matteo Rancan – Un mestiere completamente rivolto a garantire la nostra sicurezza. Questo è un evento increscioso che lascia sconvolti. Quando un agente perde la vita per servire il suo Paese e i suoi cittadini, questo si può descrivere solo così: onore e senso di responsabilità».

Il presidente della Provincia Francesco Rolleri – seppur con ritardo, perché all’estero per motivi personali – ha appreso del tragico incidente avvenuto nella tarda mattinata di ieri sull’A1 a Guardamiglio, in cui ha perso la vita, mentre assolveva ai suoi doveri, l’assistente capo Giuseppe Beolchi in servizio presso la sezione della Polizia autostradale di Piacenza Nord. “Ci tengo a far arrivare a nome mio personale e del Consiglio Provinciale – commenta Rolleri – il mio più sentito cordoglio alla famiglia ed esprimo i sentimenti di riconoscenza a questo agente che ha perso la vita servendo il Paese per garantire la sicurezza di tutti. Sono vicino ai familiari dell’agente Beolchi per un lutto che colpisce tutta la nostra comunità. Al suo collega gli auguri di una pronta guarigione”.

Fonte: Il Piacenza