ECONOMIA

il  4 dicembre 16:57

Casa e costi, tutte le spese che gravano sugli immobili italiani

Quanto costa una casa. Sembra un paradosso ma essere proprietari di un’abitazione sembra essere sempre più un lusso.

La colpa è del peso fiscale e delle nuove tasse  dirette o indirette che rappresentano una batosta. Il patrimonio immobiliare presente in Italia ha portato nel 2016 nelle casse pubbliche 40,2 miliardi. Rispetto al 2015, comunque,  il gettito è sceso di 3,7 miliardi. Riduzione dovuta all’eliminazione della Tasi sulla prima casa.

 Lo rivela la CGIA di Mestre che ha fatto i conti sommando  i 9,1 miliardi di euro di gettito riconducibili alla redditività degli immobili (Irpef, Ires, imposta di registro/bollo e cedolare secca), i 9,9 miliardi di euro riferiti al trasferimento degli immobili (Iva,  imposta di registro/bollo, imposta ipotecaria/catastale, imposta sulle successioni e sulle donazioni) e i 21,2 miliardi di euro riconducibili al possesso dell’immobile (Imu, imposta di scopo e Tasi)

Per l’anno in corso non sono previste grosse novità. Sul fronte del prelievo legato al possesso dell’immobile, infatti, per il 2017 e anche per il 2018 il Governo  ha deciso di bloccare qualsiasi eventuale aumento delle tasse locali (come l’Imu o la Tasi).

UN PESO INSOPPORTABILE

“Fino a qualche anno fa – segnala il coordinatore dell’Ufficio studi della CGIA Paolo Zabeo  – l’acquisto di una abitazione o di un immobile strumentale costituiva un investimento. Ora, in particolar modo chi possiede una seconda casa o un capannone, sta vivendo un incubo. Tra Imu, Tasi e Tari, ad esempio,  questi edifici sono sottoposti ad un carico fiscale ormai insopportabile”.

TASI, TARI, IMU, ICI..E NOI PAGHIAMO

Se con l’abolizione della Tasi sulla prima casa i proprietari hanno risparmiato  3,5 miliardi di euro,  sugli immobili strumentali, invece, il passaggio dall’Ici all’Imu ha visto raddoppiare il prelievo fiscale.  Tra il 2011, ultimo anno in cui è stata applicata l’Ici, e il 2016 il gettito è passato da 4,9 a 9,7 miliardi di euro. Va comunque sottolineato che rispetto al 2015, l’anno scorso il prelievo è diminuito di 530 milioni di euro a seguito dell’eliminazione dell’Imu sugli imbullonati.

ACCANIMENTO FISCALE

“Sebbene sia stata presa qualche misura a favore delle imprese, il quadro generale rimane sconfortante. Mi preme sottolineare – conclude Paolo Zabeo – che il capannone non viene ostentato dal titolare dell’azienda  come un elemento di ricchezza, bensì come un bene strumentale che serve per produrre valore aggiunto e per creare posti di lavoro, dove la superficie e la cubatura sono funzionali all’attività produttiva esercitata. Accanirsi fiscalmente su questi immobili non ha alcun senso, se non quello di fare cassa, danneggiando però l’economia reale del Paese”.

ALTRI COSTI

“Oltre all’imponente sforzo economico che anche quest’anno i proprietari di immobili saranno chiamati a sostenere – conclude il Segretario della Cgia Renato Mason – i contribuenti italiani devono sopportare anche un costo aggiuntivo legato alla burocrazia che attanaglia queste operazioni. Secondo una nostra analisi su dati della Banca Mondiale, per pagare le tasse  in Italia sono necessarie 238 ore all’anno. Nell’area dell’euro solo il Portogallo e  la Slovenia registrano una situazione peggiore della nostra”.

Fonte: Quifinanza