ECONOMIA

il  30 novembre 13:08

Sconti obbligatori RC Auto: ecco criteri e modalità di calcolo

Lo sconto sull’assicurazione auto diventa obbligatorio. Ma bisogna attivarsi, chiederlo e compiere alcuni passi.

Il 27 novembre 2017, l’IVASS ha  chiarito tutto. Rendendo noto l’inizio della consultazione pubblica sullo schema di Regolamento relativo agli sconti obbligatori.

La previsione degli sconti “significativi” obbligatori è stata introdotta dalla legge annuale per il mercato e la concorrenza (legge n. 124/2017).
Il documento pubblicato dall’Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni, si occupa, in particolare di individuare i criteri e le modalità. Su questi le imprese di assicurazione potranno determinarli e applicarli.
 Sulle norme in consultazione dello schema potranno essere forniti commenti entro il termine di quarantacinque giorni dalla pubblicazione del comunicato.

Sconti RC Auto: a chi sono destinati?

A fare chiarezza sui destinatari è il portale Laleggepertutti che spiega che sono due le tipologie obbligatorie di sconto previste dalla legge.

Il primo è rivolto agli assicurati che accettano di installare sul veicolo la “scatola nera“. O il dispositivo che impedisce l’avvio del motore in caso di elevato tasso alcolemico del guidatore (c.d. alcolock), oppure se si accetta l’ispezione preventiva del veicolo.

La seconda tipologia di sconto, invece, sarà garantita agli assicurati “virtuosi” che non hanno provocato sinistri negli ultimi quattro anni con responsabilità esclusiva o principale o paritaria. Residenti nelle province con un elevato tasso di sinistrosità), purché abbiano installato o installino la “scatola nera” o meccanismi equivalenti.

Sconti RC Auto

Con il proprio regolamento, l’IVASS intende assicurare che gli sconti siano correlati alla effettiva riduzione del rischio per le imprese nel caso di utilizzo della “scatola nera” o di dispositivi alcolock nonché di preventiva ispezione del veicolo;
Ancora, l’obiettivo è quello di favorire la progressiva riduzione delle differenze sul territorio nazionale dei premi applicati dalle imprese agli assicurati “virtuosi”, a parità di condizioni soggettive dei rischi assicurati.
Pertanto, saranno previsti anche specifici adempimenti segnaletici a carico delle imprese per consentire all’IVASS di monitorare il rispetto delle nuove disposizioni.
In particolare, queste saranno tenute a raccogliere una serie di informazioni analitiche (sui contratti sui quali sono stati applicati sconti e sulla misura degli sconti praticati), a conservarle per almeno tre anni e a trasmetterle alla funzione attuariale affinchè possa essere verificato l’impatto dell’applicazione dei criteri e delle modalità definite con il regolamento sulla politica di sottoscrizione dell’impresa.

RC Auto: criteri di calcolo degli sconti obbligatori

Lo schema, ai fini della determinazione della percentuale di sconto, stabilisce che l’impresa dovrà verificare se sussiste, nel proprio portafoglio, una diminuzione del premio puro riferito agli ultimi tre anni, per l’insieme dei contratti che prevedono l’installazione della scatola nera (o altro meccanismo che registra l’attività del veicolo) oppure dei meccanismi elettronici di alcolock.
 Per ciascun settore la percentuale di sconto dovrà essere almeno pari alla diminuzione percentuale media dei premi puri registrata nel triennio tra coloro che hanno stipulato contratti senza e con i meccanismi elettronici. Stessa percentuale di sconto sarà applicata nel caso di ispezione preventiva del veicolo.
Per quanto riguarda lo sconto aggiuntivo per gli assicurati “virtuosi” nelle province ad alta sinistrosità, l’impresa provvederà a confrontare, per ciascun settore tariffario, i premi medi puri riferiti agli ultimi tre anni e praticati nelle province elencate con quello relativo al complesso delle province non incluse nell’allegato.
Per ciascun settore, lo sconto percentuale aggiuntivo da praticare in ciascuna provincia individuata nell’Allegato sarà pari almeno alla differenza percentuale media, se positiva, rilevata tra ciascun premio medio puro riferito agli ultimi tre anni e registrato nelle province ad alta sinistrosità e il premio medio puro riferito agli ultimi tre anni e registrato nel complesso delle province non elencate.
L’impresa applicherà tale percentuale di sconto in modo che eventuali differenziali di premio siano giustificati solo dalla effettiva sussistenza di differenziali di rischio, individuati sulla base di dati tecnici e di specifiche informazioni in possesso della impresa stessa.