CHIUDI
TEMI PRINCIPALI
martedì, 23 ottobre 2018

Allarme batterie, un automobilista italiano su tre rischia di rimanere a piedi. Numeri che lanciano un allarme per chi si affida ai veicoli a quattro (e a due) ruote. 19 milioni di veicoli interessati al problema.

Rischio concreto

A rischio una delle parti più trascurate. Secondo una recente statistica dell’Adac, l’automobil club tedesco le cose non stanno come sembrano.

Allgemeine Deutsche Automobil-Club afferma che il 39% delle problematiche di tutte le auto è da ricondurre proprio a questo componente.

In Italia il 32% delle batterie è in cattive condizioni

Una parziale sorpresa che ha spinto la Johnson Controls Power Solutions, una delle più grandi aziende del settore, a realizzare una ricerca che ha coinvolto ben 67.000 vetture in 5 diversi Paesi Europei.

I risultati emersi da questa ricerca sono stati sorprendenti: il 26% delle batterie presenti sulle auto in Europa è in gravi condizioni mentre in Italia la percentuale è ancora più alta, toccando il 32% delle vetture circolanti nel nostro Paese.

19 milioni di auto

Un problema che tocca circa 19 milioni di veicoli che rischiano di lasciare a piedi i proprietari proprio in seguito a problemi alla batteria che, specialmente sulle auto moderne, funziona anche a motore spento per impianti di allarme, serrature delle porte, funzione Keyless-Go e sistemi di navigazione che richiedono energia anche quando l’auto è parcheggiata.

Questi componenti sono sempre più complessi e richiedono una manutenzione costante o, in alcuni casi, una sostituzione frequente.

Non le toccate da soli, serve il meccanico

Sulle auto moderne, infatti, il cambio deve essere compiuto da un esperto con utensili speciali per non interrompere, ad esempio, il circuito di corrente fra la batteria e il computer del veicolo.

Si rischia fra l’altro di rompere i circuiti di riscaldamento dei sedili o danneggiare il sistema start & stop. Sono pochissimi, inoltre, i proprietari che quando si recano in officina per far controllare le gomme o il livello dell’olio, chiedono anche di dare un’occhiata alla batteria: un errore che può costare caro.

Fonte : Fanpage